I consigli da ricordare per installare il riscaldamento a pavimento

La ragione più importante per la quale si decide di installare un impianto di riscaldamento a pavimento va individuata nello straordinario comfort che esso è in grado di garantire. Questo sistema, infatti, garantisce la percezione di un calore omogeneo in tutti gli ambienti, così che non ci possano essere angoli in cui si ha freddo. Se con i radiatori e i termosifoni per sentire calore c’è bisogno di appoggiarsi o comunque di avvicinarsi, tutto questo non occorre con il riscaldamento a pavimento.

Alla ricerca del sistema migliore

La ricerca del benessere non può che condurre ai sistemi Deltasolar, impianto di riscaldamento a pavimento che garantisce i livelli più elevati di efficienza in virtù di un sistema brevettato. Grazie ad esso, è possibile progettare il pavimento radiante con un calcolo su misura, per una soluzione flessibile e personalizzata. Lo scopo è quello di prendere in considerazione il fabbisogno di calore delle varie stanze e di non trascurare la transmittanza del pavimento e tutti gli altri aspetti che sono in grado di condizionare il corretto funzionamento del sistema. I sistemi Deltasolar sono adatti non solo alle case private, ma anche ai centri commerciali, agli ospedali, ai capannoni industriali, alle chiese, alle verande, alle palestre, le rampe disgelo ed anche serre per coltivazione.

I vantaggi offerti dal riscaldamento a pavimento

Un impianto di questo tipo è collocato sotto al pavimento: di conseguenza è possibile fare a meno dei termosifoni, il che consente di recuperare una grande quantità di spazio. Un altro vantaggio da non sottovalutare ha a che fare con il risparmio sui consumi: basti pensare che gli impianti di nuova generazione consentono di impostare l’acqua a una temperatura di 35 gradi, e non di 60, così da assicurare una riduzione dei costi. Infine, gli impianti a pavimento possono essere installati senza difficoltà, e addirittura esistono impianti che si applicano direttamente sui pavimenti esistenti. La manutenzione, poi, è pressoché nulla.

Riscaldamento A Pavimento

Riduzione dei moti convettivi

L’aria riscaldata con i nostri pavimenti radianti sale con una velocità  estremamente ridotta per cui, mentre sale si raffredda gradualmente.
Per questo motivo la temperatura nelle parti alte degli ambienti è minore di quella che c’è ad altezza dell’uomo: non si solleva la polvere e vengono riscaldati con risparmio gli ambienti di grande altezza o con vani scala aperti che con i vecchi sistemi, sprecherebbero il calore verso l’alto.

Niente polvere nell’aria

Per la bassa temperatura dei pavimenti radianti Deltasolar, la velocità  dell’aria è estremamente ridotta e quindi i moti convettivi ascensionali sono insufficienti a sollevare la polvere che si deposita, assai di meno, sui mobili e suppellettili.
Tale vantaggio è rilevante per quelle persone che soffrono di allergia alle vie respiratorie ed godono di particolare sollievo.

Nessuna irritazione di gola per l’aria secca

I nostri impianti non funzionano più con le alte temperature tipiche dei termosifoni, per cui l’aria degli ambienti non si essicca e non occorre applicare le vaschette d’acqua o gli umidificatori.Di questo ne traggono beneficio non soltanto i mobili, serramenti di legno e parquet che non si fessurano più, ma soprattutto gli esseri umani che non avranno più problemi all’apparato respiratorio.

I suggerimenti per un uso ottimale

Il riscaldamento a pavimento deve essere impostato solitamente a temperatura costante: in altri termini, ci si deve scordare dei programmi orari. Con il riscaldamento a pavimento Deltasolar si può utilizzare il termostato anche on/off ottenendo un comfort ottimale, e di conseguenza i 20 gradi sul termostato non sono più di tanto indicativi. A differenza di altri sistemi a pavimento che necessitano di maggior tempo per attivarsi , la tecnologia dei Sistemi Deltasolar per attivarsi ha bisogno di un tempo decisamente inferiore del 30% rispetto altri sistemi concorrenti, di conseguenza è possibile utilizzare il sistema anche on/off ad orario.

Come si usa il riscaldamento a pavimento

Mentre i caloriferi vengono programmati nel corso della giornata, per risparmiare sui consumi con il riscaldamento a pavimento è consigliabile riscaldarlo una volta e poi non toccarlo più. In questo modo si avrà la possibilità di camminare a piedi nudi anche in inverno, e in più i bambini piccoli potranno stare seduti per terra senza sentire freddo. Con i termosifoni, invece, il calore va da una certa altezza in su, e gli svantaggi sono evidenti. Ecco perché è giunto il momento di dire addio ai classici impianti a radiatori.

Raffrescamento estivo

Avvalendosi di nuove tecnologie, e di MOLTI anni di esperienze con i propri sistemi di pavimenti radianti a bassa temperatura siamo riusciti a raggiungere gli obiettivi proposti dai ricercatori della bioarchitettura anche per la stagione estiva.
Questi impianti brevettati, e riconosciuti dai vari Istituti di bioarchitettura, non soltanto permettono il riscaldamento invernale con il comfort migliore di ogni altro con un risparmio di combustibile di oltre il 25-30%, ma anche un raffrescamento estivo con rese e comfort ottimali senza gli inconvenienti tipici dell’aria condizionata.

Essendo distribuiti sotto il pavimento con il criterio della chiocciola contrapposta e con passo proporzionalmente intensificato sulle pareti esterne, i pavimenti radianti DELTASOLAR distribuiscono in modo uniforme sia il calore quanto il fresco per tutto l’ambiente creando un piacevole senso di benessere.
Tutto questo avviene poiché entra in funzione l’effetto di “irraggiamento” tra la temperatura del corpo umano e quella dei pavimenti che a loro volta raffrescano durante l’estate anche le pareti: per legge fisica, infatti, “un corpo caldo cede sempre calore ad un corpo più freddo”.
Il sistema di raffrescamento radiante a pavimento permette di ottenere un clima a misura d’uomo creando una sensazione simile a quella che si può sentire quando, in estate, si scende in cantina dove le pareti hanno una temperatura inferiore a quella esterna: il benessere è considerevole e raggiunge l’ottimale se si deumidifica anche l’aria.

Dalle misurazioni effettuate nei nostri impianti abbiamo rilevato che d’estate, senza raffrescamento, il pavimento e le pareti hanno una temperatura anche superiore ai 29-30°C e negli ambienti il termometro segna anche i 33°C come entrare in un forno.
Mandando nei pavimenti radianti acqua ad una temperatura oscillante dai 15 ai 18°C in funzione dell’umidità  relativa, si raffrescano i pavimenti portandoli a circa 19-20°C.

In questo modo con una temperatura esterna di 37-38°C si riduce la temperatura interna di un ambiente dai 32-33°C a circa 24-25°C con un eccezionale comfort e senza movimenti di aria.
Anche il calore radiante del corpo umano viene assorbito dal pavimento (ed anche dalle pareti) più fredde e si ottiene quindi un benessere naturale, senza i fastidiosi getti d’aria tipici dei condizionatori che producono una sensazione di fresco forzato ed un fastidioso rumore di fondo.
l consumo energetico è circa la metà  di un sistema tradizionale di condizionamento.

Opportune sonde collegate ad una particolare centralina elettronica (tarata in modo personalizzato dai nostri tecnici) permettono di regolare accuratamente le temperature dell’acqua per non creare condensazione sui pavimenti.
Utilizzando un chiller (gruppo refrigerante) per produrre acqua fresca, è possibile anche deumidificare l’aria ottenendo un controllo ottimale con un minimo consumo di energia: circa il 50% in meno dei sistemi ad aria fredda convenzionali.

✓ Lascia un Commento

      ✓ CI PIACEREBBE SAPERE COSA NE PENSI..